"Perdere la testa”. Aspetti e valori della decapitazione nel Vicino Oriente Antico Visualizza ingrandito

"Perdere la testa”. Aspetti e valori della decapitazione nel Vicino Oriente Antico

STARCH3

Nuovo volume

Autore: Rita Dolce; Anno: 2014; Pagine: 144

Maggiori dettagli

25,00 € tasse incl.

50 Articoli

    Nella comunicazione visuale della Mesopotamia e della Siria tra III e I mill. a.C., la decapitazione occupa un ruolo particolare nel merito e nel significato. Si è inteso quindi presentare una documentazione che mira a palesare alcune condizioni, relazioni e valori che stanno attorno a questo specifico atto in tempo di guerra, riconoscendo nella testa mozzata un “oggetto ambìto”, spesso sottoposta all’attenzione di più attori che interagiscono nelle vicende e nei destini ad essa riservati. L’analisi condotta in questo lavoro muove dalla selezione di alcuni codici figurativi e dalla loro diversa associazione nelle numerose opere considerate ove la testa mozzata è il focus e ne ripercorre le evidenze dall’età preistorica all’età neo-assira in Anatolia, Siria e Mesopotamia; e propone, anche supportata da dati testuali quando significativi, interpretazioni iconografiche ed ideologiche diverse in molti casi da quelle fin qui prevalenti.

    Larghezza 17 cm
    Peso 0.800 kg
    Altezza 23 cm

5 other products in the same category:

PayPal